Carta d'identità elettronica (C.I.E.)

  • Servizio attivo

Carta d'identità elettronica (C.I.E.). Come richiederla e costi


A chi è rivolto

Chi può presentare

Tutti i cittadini italiani possono richiedere la Carta di Identità Elettronica in qualsiasi momento e nei seguenti casi:

  • possesso di una carta di identità cartacea;
  • possesso di una Carta di Identità Elettronica di I e II generazione (emesse prima del 4 luglio 2016);
  • a partire da centottanta giorni prima della scadenza della propria carta d’identità;
  • in seguito a smarrimento, furto o deterioramento.

Descrizione

La Carta di Identità Elettronica (CIE) è il documento d’identità dei cittadini italiani emesso dal Ministero dell’Interno e prodotto dal Poligrafico e Zecca dello Stato che, grazie a sofisticati elementi di sicurezza e anticontraffazione, permette l’accertamento dell’identità del possessore e l’accesso ai servizi online delle Pubbliche Amministrazioni sia in Italia che nei Paesi dell’Unione Europea.

La Carta di Identità Elettronica, se valida per l’espatrio, può essere utilizzata dai cittadini per viaggiare sul territorio nazionale e negli Stati membri dell’Unione Europea.

I dati stampati sul documento o memorizzati all’interno del microchip sono:

  • Comune o Ufficio Consolare emettitore
  • Nome
  • Cognome
  • Luogo e data di nascita
  • Sesso
  • Statura
  • Cittadinanza
  • Immagine della firma del titolare
  • Eventuale non validità per l’espatrio
  • Fotografia
  • Immagini di 2 impronte digitali (un dito della mano destra e un dito della mano sinistra)
  • Nome e cognome del padre e della madre (nel caso di un minore)
  • Codice fiscale nei formati alfanumerico e codice a barre
  • Estremi dell’atto di nascita
  • Indirizzo di residenza
  • Comune di iscrizione AIRE (solo per i cittadini residenti all’estero).

Come fare

Il cittadino, al momento della domanda:

  • in caso di primo rilascio esibisce all’operatore comunale un altro documento di identità in corso di validità. Se non ne è in possesso, dovrà presentarsi al Comune accompagnato da due testimoni;
  • in caso di rinnovo o deterioramento del vecchio documento, consegna quest’ultimo all’operatore comunale;
  • consegna all’operatore comunale il codice fiscale (presente anche sul retro della CIE);
  • verifica con l’operatore comunale i dati anagrafici presenti nell’anagrafe nazionale;
  • indica la modalità di ritiro del documento (consegna presso un indirizzo desiderato o ritiro in Comune) e comunica un’eventuale persona delegata al ritiro;
  • consegna all’operatore comunale la fotografia;
  • procede con l’operatore comunale all’acquisizione delle impronte digitali;
  • fornisce, se lo desidera, il consenso o il diniego alla donazione degli organi;
  • firma il modulo di riepilogo procedendo alla verifica finale sui dati.

Cosa serve

Il cittadino dovrà andare in Comune portando con sé una fototessera in formato cartaceo.

La fototessera dovrà essere nello stesso formato utilizzato per il passaporto.

Quando si fa la richiesta, se non si è già in possesso di una CIE, è consigliabile avere il codice fiscale o la tessera sanitaria, così da velocizzare le attività di registrazione.

Quanto costa

Il  costo  della  Carta  di  identità  elettronica,  comprensivo  delle  spedizione,  è  il seguente:

-  rilascio ordinario: € 22,50;

-  rilascio duplicato: € 28,00.

Attualmente, il pagamento avviene direttamente allo Sportello al momento della richiesta.

Procedure collegate all'esito

La ricevuta rilasciata dal Comune a seguito della richiesta di emissione della Carta di Identità Elettronica è valida come documento di riconoscimento fino al giorno antecedente la data di avvenuta consegna della CIE. Attraverso l'app Ve.Do (https://www.cartaidentita.interno.gov.it/identificazione-fisica/vedo/) infatti è possibile verificare le informazioni contenute nella ricevuta rilasciata all'atto della richiesta di una CIE.

La CIE sarà consegnata entro 6 giorni lavorativi dalla richiesta.

Ulteriori informazioni

Oltre ad accertare l’identità del titolare, la CIE è dotata anche di una componente elettronica che – grazie all’adozione delle più avanzate tecnologie disponibili e in conformità alla normativa europea – rappresenta l’identità digitale del cittadino.

I cittadini possono accedere ai servizi online aderenti con le credenziali CIE in maniera semplice e veloce; in funzione del servizio richiesto dal cittadino, l’autenticazione può avvenire attraverso 3 livelli di autenticazione a sicurezza crescente:

  • livello 1: accesso mediante una coppia di credenziali (username e password),
  • livello 2: l’accesso prevede, in aggiunta alle credenziali di livello 1, l’impiego di un secondo fattore o meccanismo di autenticazione che certifichi il possesso di un dispositivo (es. codice temporaneo OTP, scansione QR code),
  • livello 3: è richiesto l’utilizzo di lettore o uno smartphone dotato di tecnologia NFC per la lettura della CIE.

Scopri di più sui livelli 1 e 2 e sul livello 3.

Inoltre, la CIE può essere utilizzata tramite l’app CieSign come strumento di firma elettronica avanzata (FEA) consentendo ai cittadini di firmare agevolmente documenti elettronici.

Smarrimento delle credenziali

I cittadini che hanno fornito i propri contatti (e-mail e/o numero di cellulare) in fase di richiesta della CIE, possono recuperare il codice PUK direttamente dall’app CieID:

  • scarica o aggiorna l’ultima versione dell’app CieID su uno smartphone dotato di tecnologia NFC;
  • accedi dal menù dell’app alla voce “Recupero PUK”;
  • avvicina la CIE allo smartphone;
  • inserisci il numero di serie della tua CIE (riportato in alto a destra sulla Carta);
  • inserisci i contatti forniti al Comune in fase di richiesta;
  • per ragioni di sicurezza, dopo 48 ore dall’inserimento della richiesta di recupero PUK, riceverai una notifica via SMS o e-mail per completare la procedura e visualizzare il PUK.

È importante annotare con cura il codice PUK, necessario per impostare un nuovo codice PIN da utilizzare per accedere ai servizi online tramite la CIE.

I cittadini che non ricordano o non hanno fornito i contatti al momento della richiesta della CIE, possono recarsi presso qualsiasi Comune e richiedere l’aggiornamento dei contatti e, se necessario, anche la ristampa dei codici PIN e PUK.


Vincoli

La validità della CIE varia a seconda dell’età del titolare al momento della richiesta del documento; in particolare, la CIE scade al primo compleanno dopo:

  • 3 anni dalla data di emissione per i minori che hanno meno di 3 anni di età;
  • 5 anni dalla data di emissione per i minori con un’età compresa tra i 3 e i 18 anni.

Per i maggiorenni la carta, ai sensi del Regolamento (UE) 2019/1157, ha una validità massima di 10 anni, pertanto scade dopo 9 anni più i giorni intercorrenti fra la data della richiesta e la data di nascita.

La CIE rilasciata a cittadini impossibilitati temporaneamente al rilascio delle impronte digitali ha una validità di 12 mesi dalla data di emissione del documento.

Casi particolari

Rilascio e rinnovo minorenni

La Carta di Identità Elettronica è un documento di riconoscimento che può essere rilasciato ai cittadini italiani minorenni fin dalla nascita.

I minori possono richiedere il documento valido per l’espatrio se entrambi i genitori sono presenti al momento dell’emissione della CIE.

La carta d’identità per minori ha le seguenti validità:

  • 3 anni per i minori di 3 anni;
  • 5 anni per i minori di età compresa fra 3 e 18 anni.

A partire dai 12 anni compiuti al minore sono rilevate due impronte digitali e dovrà appore la propria firma grafica sul documento.

Per i minori di 14 anni è possibile richiedere anche l’indicazione dei nomi dei genitori, o di chi ne fa le veci, sul retro del documento.

Nel caso in cui chi richiede la CIE sia genitore di minori e l’altro genitore sia assente all’atto della richiesta, è necessario che il genitore richiedente presenti anche una dichiarazione di assenso all’espatrio firmata dall’altro genitore o da chi esercita la responsabilità genitoriale ai sensi della legge n. 1185 del 1967 (modulo allegato). In alternativa deve essere presentata l’autorizzazione del giudice tutelare.


Impossibilità documentata per malattia grave

Nel caso di impossibilità documentata del cittadino a presentarsi allo sportello del Comune a causa di malattia grave, l'interessato o un suo delegato (ad es. un familiare) deve far pervenire apposita richiesta (modulo allegato) per richiedere che l'ufficiale d'anagrafe raccolga la sottoscrizione presso l'abitazione.

Dovranno farsi pervenire al protocollo:

  • modulo di richiesta
  • copia della carta d'identità del richiedente e dell'interessato
  • certificato medico attestante l'impossibilità oggettiva dell'interessato a recarsi presso lo sportello.


L'interessato verrà contattato telefonicamente.


Impossibilità documentata altra motivazione

Nel caso di impossibilità documentata del cittadino a presentarsi allo sportello del Comune a causa di restrizione (reclusione, appartenenza ad ordini di clausura, ecc.), deve pervenire al protocollo un'istanza sosttoscritta anche dal responsabile dell'Ente interessato

Il referente della richiesta verrà contattato telefonicamente.


Rilascio e rinnovo all'estero

Se sei un cittadino italiano residente all’estero iscritto all’AIRE, puoi richiedere la Carta di Identità Elettronica (CIE) presso il tuo Consolato di riferimento.

Per i cittadini residenti all’estero iscritti all’AIRE, la Carta di Identità Elettronica può essere richiesta presso il Consolato di riferimento. Le modalità di rilascio sono indicate sul sito del Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale.


Rilascio della Carta d'identità cartacea

l Ministero dell'Interno ha pubblicato la circolare n. 9/2019 che limita il rilascio delle carte di identità cartacee per casi residuali: ad esempio partenza per l'estero immediata e cittadini AIRE (https://dait.interno.gov.it/servizi-demografici/circolari/circolare-n9-del-16-luglio-2019).

Condizioni di servizio

Per conoscere i dettagli di scadenze, requisiti e altre informazioni importanti, leggi i termini e le condizioni di servizio.

Documenti

Contatti

Quanto sono chiare le informazioni su questa pagina?

Valuta da 1 a 5 stelle la pagina

Questo sito utilizza cookie tecnici, analytics e di terze parti.
Proseguendo nella navigazione accetti l’utilizzo dei cookie.